• 20/05/2022 23:35

TEATRIAMOCELA

MUSICA POESIA E TEATRO CON GIANNI NACHIRA

TESTI DI CANZONI A CONFRONTO

DiGianni Nachira

Apr 1, 2018

Testi di canzoni a confronto

Mudimbi

mix esplosivo di trap, grime, dubstep, rap & dancehalll

Iniziamo col fatto che Mudimbi si chiama realmente così, Michel Mudimbi. Di origini italo-congolesi, nato e cresciuto a San Benedetto Del Tronto inizia con il rap attorno al 2000 e, per sua stessa ammissione, impiega “circa 6 anni prima di riuscire a scrivere una rima decente”.

Nel 2013 pubblica la traccia e il video di “Supercalifrigida”, che immediatamente spopola su trapmusic.net e da lì arriva fino a Radio Deejay, la quale chiede a Mudimbi di realizzare un jingle per il programma condotto da Albertino, Asganaway, proprio sulla base di “Supercalifrigida”. Michel, che a quei tempi lavorava come meccanico, decide di dimettersi e dedicarsi, finalmente, a tutti gli effetti, alla musica.

Nel 2014 debutta col suo primo Ep intitolato M, caratterizzato dalla presenza di diversi generi musicali, e un nuovo videoclip per il primo singolo estratto “Balb & Tando”.

Mudimbi non solo è autore di tutti i suoi testi, ma è anche il creatore di un immaginario fantasioso e supercolorato a cui da vita curando personalmente tutti i suoi videoclip: uno dei migliori è senz’altro “Pistolero” prodotta da Elisa Bee.

Il 23 marzo 2001 pubblica il suo album d’esordio Michel lanciato da un importante operazione mediatica che ha visto i muri delle principali città italiane tappezzati dalle foto che rappresentavano lo stesso Mudimbi all’età di sette mesi. Nel 2017 uscirà il suo primo album ufficiale.

L’album si presenta in un formato molto particolare accompagnato dalle illustrazione di Maicol&Mirco, noto fumettista concittadino del rapper. Il 9 febbraio 2018 la Warner ristampe Michel in una nuova versione arricchita da due singoli e supportata da un gioco da tavolo ideato da Mudimbi stesso.

Nel dicembre 2017 passerà le selezione di Sarà Sanremo grazie alla canzone “Il mago” con il quale arriverà terzo nella sezione “nuove proposte” e vincendo il Premio Assomusica per la miglior performance.

( Fonte: https://www.rockit.it/mudimbi/biografia )

TESTI DI CANZONI A CONFRONTO
 

La mia critica

 
Niente a dire, tutto il mio rispetto; racconta la storia dell’uomo “contraddizione”, fustigato e castigato dalla sorte non solo -anzi non proprio perché ha origini congolesi- perché straniero in Italia.
Lui parla dell’italiano o, in senso più esteso di chiunque e ovunque viva un qualsiasi malessere.
Può farlo e ne ha tutto il diritto.
Non solo lui, però; il mondo è pieno di artisti che hanno la loro da dire, sia con canzoni che con poesia o con altre espressioni d’arte.
Prendo il testo della sua canzone presentata a San Remo; un testo di denuncia o di nascondimento? Si manifesta attento a non tradire la gente, che da uno che vive male vuol sentirsi dire soltanto la verità e goderne dei suoi guai. Forse è vero, ma forse no; o meglio non è proprio così, perchè al mondo ci sono pure persone che sanno condividere la sofferenza altrui.
E’, si un lamnto: Il conto in banca all’osso, però quel “che nemmeno i macellai”… forse non corrisponde al vero, perché i macellai appartengono a una categoria che se la passa bene.

Tra le insulse parole del testo (troppe le insulse), poi spicca qualche verso di rilievo Bevo il bicchiere mezzo pieno finché mi ubriaco che in tutta probabilità nasconde un significato tutto da scoprire; leggere il resto, con i riferimenti a personaggi per me è banale, soft, inutile.

Però, questo è il mondo della musica, lavora per scovare personaggi che devovo produrre reddito e vengono lanciati forse con mancanza di rispetto verso chi la musica la concepisce come una “sacralità”.
Ma il rap è questo: Rima a tutti i costi, ripetitività cantilenante e poi ritmo e un po’ di canto.
Sono i giovani che preferiscono questi generi un po’ meno impegnativi, meno musicali, meno drammatici o quanto meno  sdrammatizzati.
 
Testi di canzoni a confronto
Qui metto il testo della canzone di Mubindi:

Il mago

C’è chi mi chiede: Mudimbi, come stai?

Se rispondo tutto bene, poi mi chiede come mai?

La gente guarda male se non sei pieno di guai

Meglio dire son vegano e sto anche in mano agli usurai

Faccio ciò che posso, non vivo a Dubai

Ho un conto in banca all’osso che nemmeno i macellai

Vivo la realtà, senza mentirmi mai

La mia dolce metà sembra la copia di un bonsai

La mia vita va che una favola-la

Non c’è niente che mi preoccupa-pa

Risolvo ciò che c’è da risolvere-re

E compro una vocale per rispondere

Va-come va, va-come va, come va

Va bene anche se male

Va-come va, va-come va, come va

Il trucco è farla andare

Bevo il bicchiere mezzo pieno finché mi ubriaco

E poi svanisco in un sorriso… come fa il mago

Il mago, il mago, voilà

Il mago, il mago

A complicare, siam tutti esperti

A esser felici, siam tutti incerti

La verità sta tra due concetti

Finché la barca va e Orietta Berti

Quindi sto sereno

Navigo tra le bollette

Rischio pure le manette

Canto queste canzonette

Evito chi si permette

Anche di mettermi alle strette

Vuole pure le mie chiappe

Le pretende fatte a fette

Mi godo la vita

Come un bimbo con una matita

Come Rambo con un mitra

Come Cita una Ciquita

Vincerò questa partita

Ci scommetto la coolita

La strada va in salita ma non sento la fatica

Perché

La mia vita che una favola-la

Non c’è niente che mi preoccupa-pa

Risolvo ciò che c’è da risolvere-re

E compro una vocale per rispondere

Va-come va, va-come va, come va

Va bene anche se male

Va-come va, va-come va, come va

Il trucco è farla andare

Bevo il bicchiere mezzo pieno finché mi ubriaco

E poi svanisco in un sorriso… come fa il mago

La mia infanzia è stata dura come tante

Senza padre e con il pieno di domande

Nonstante questo è andata alla grande

Ringrazio mia madre per le sue parole sante

Figlio mio, la vita è dura, lo confesso

Proverà a metterti in ginocchio troppo spesso

Tu sorridi lo stesso

Magari domani ci svegliamo

Tutti e due sotto a un cipresso

Va-come va, va-come va, come va

Va bene anche se male

Va-come va, va-come va, come va

Il trucco è fall’andare

Bevo il bicchiere mezzo pieno finché mi ubriaco

E poi svanisco in un sorriso… come fa il mago

Il mago, il mago voilà

Il mago, il mago c’est moi!

Il confronto

 
E QUESTA E’ LA MIA
 
Una canzone di denuncia che credo rappresenti a chiare lettere e senza mezzi termini quello che accade oggi; delinquenza e violenza rafforzate dalla condizione di povertà e degrado che affligge la società.
Ma il buon senso è il suggerimento che si legge nel testo.
Alla fine, è meglio sopportare la povertà, trovare altre vie per sopravvivere piuttosto che finire in galera.
La mia musica dal vivo

TITOLO – SOTTO LA PANCA, LA CAPRA  (autore di testo e musica Gianni Nachira)

(Parlato nell’intro)

VI RACCONTO LA STORIA DI UN UOMO VERACE,

DI DOVE FOSSE NESSUNO LO SA.

AVEVA UNA CAPRA SOTTO LA PANCA

E QUALCHE SOLDINO MESSO IN BANCA.

(Cantato)

SONO NATO DA DONNA, GRAZIE AD UN UOMO,

HO RISO ED HO PIANTO STRETTO AL SENO DI MIA MADRE.

HO VISTO LA LUNA, HO ACCESO LE STELLE,

HO GUARDATO NL SOLE PROPRIO IN PIENO MEZZOGIORNO.

HO LASCIATO LA CASA CHE ERO UN RAGAZZO,

MI HANNO DATO LE ARMI, QUELLE VERE DELLA GUERRA.

HO USATO LA TESTA, NON HO MAI SPARATO,

HO SCELTO IL DIALOGO, NON L’USO DELLA FORZA.

MA, CHE VUOI, VA COSI’,TU ED IO,

SIAMO GLI EROI, SIAMO GLI EROI

E L’ITALIA LO SA.

SI, PERO’, CHI DI VOI CI DARA’

UNA MEDAGLIA SE DI MEDAGLIE

NON CE N’E’ PIU’.

Intermezzo

SIAMO STATI INGANNATI, CI HANNO FOTTUTO,

MAFIE DI TURNO, SPIE E LAMPIONI SOPRA I TETTI.

TU FIRMI CAMBIALI, IPOTECHILA CASA,

POI LA LEGGE TI DICE CHE LA DEVI CONSEGNARE.

FINISCI PER STRADA, NON HAI DA MANGIARE,

NON SAI COME FARE, SENZA SOLDI NON PUOI STARE.

UN’ARMA CI VUOLE PER FAR LA RAPINA,

TI SCAPPA LA MORTE, QUESTO E’ IL PREMIO DELLA SORTE

MA, CHE VUOI, VA COSI’, TU ED IO

SIAMO COGLIONI, STIAMO COI BUONI

MA SOPRA LA PANCA.

SI, PERO’, NON CI STO, NON ANDRO’

NELLE GALERE, SOPRA LA PANCA

LA CAPRA CREPA..

(Parlato in ending)

FINISCE LA STORIA DELL’UOMO INFELICE.

IN PRIGIONE, IN PRIGIONE LUI TROVA LA PACE.

MA SI………..LUI STA MEGLIO LA’.

 Non mia intenzione esprimere un pensiero di confronto. Lascio al lettore ogni considerazione. Bisognerebbe ascoltarle entrambe per valutare differenze tra testo e musica. La differenza però sta nell’impatto musicale, poiché IL MAGO è musicata da professionisti e scritta da altrettanti nomi conosciuti; SOTTO LA PANCA LA CAPRA è musicata con il solo supporto di una tastiera e con una registrazione priva di strumentazione professionale.

Metto qui i 2 link:

GIANNI NACHIRA – SOTTO LA PANCA LA CAPRA

____________________________

MUBINDI – IL MAGO  (VAI AL LINK)

 
 
 
 

Sharing is caring!

Total Page Visits: 1279 - Today Page Visits: 2

Gianni Nachira

E' presto detto: Da lavoratore, una volta raggiunta la pensione, sono riuscito a prendere in mano il sacco dove per anni sono state rinchiuse le mie passioni in campo artistico. Non è stato facile, perché l'età e l'impossibilità di farlo a tempo debito hanno parlato chiaro: "NON PUOI". Al ché io ho risposto: "Ma davvero?" Allora mi sono cimentato a fare teatro, a fare musica. FARE, CREARE, senza mollare e nonostante le difficoltà che la vita ancora oggi mi pone ad ostacolo, proseguo imperterrito sfidando il fato che da quasi sessant'anni mi assegna una sorte avversa. In questo mio sito ho messo insieme una parte di me e continuerò a farlo perché rimanga traccia di una storia di vita forse banale, ma comune a molti.

error: Content is protected !!