Warning: Undefined variable $ub in /web/htdocs/www.teatriamocela.com/home/wp-content/plugins/advanced-page-visit-counter/public/class-advanced-page-visit-counter-public.php on line 148

Warning: Undefined variable $ub in /web/htdocs/www.teatriamocela.com/home/wp-content/plugins/advanced-page-visit-counter/public/class-advanced-page-visit-counter-public.php on line 160
FEELINGS in English SENTIMENTI in Italiano - Teatro Musica e Poesia
FEELINGS in English SENTIMENTI in Italiano

FEELINGS in English SENTIMENTI in Italiano

FEELINGS

Un pezzo da novanta della musica mondiale degna della migliore attenzione. La canzone originale però nacque in Francia nel 1956.A scrivere la musica fu Louis Gasté sulle parole di Albert Simonin, un romanziere e sua moglie Marie Helen Bourquin. Il pezzo venne affidato a Dario Moreno, un cantante di brani esotici, ma non riscosse un gran successo; neppure lo ebbe quando venne cantato da altri interpreti e suonato da diverse orchestre sia in Francia che in altri Paesi.

Pour toi (il titolo della canzone) dunque rimase nell’ombra di una popolarità relativa, sino a quando Mauricio Alberto Kaisermann alias Morris Albert non la fece sua nel 1975.

Morris era un musicista brasiliano, nonché cantautore e compositore, ma questa volta si rese colpevole di plagio, appropriandosi della canzone che tradusse in inglese, anche se non proprio fedele all’originale e la titolò’ FEELINGS (in italiano “sentimenti”). Grazie a Morris, il motivo divenne immediatamente un successo e la sua versione fu subito una HIT.

Quando il povero Gasté si rese conto che la canzone era la sua, si sentì in dovere di denunciare Morris per plagio ed ottenne giustizia da parte del tribunale ottenendo anche un congruo rimborso in denaro, come da sentenza.

Si chiuse così la vertenza e avvenne che grazie a Morris, in fondo, Gastè beneficiò del successo non suo anche dei proventi legati al diritto d’autore.

Questo preambolo, frutto di una mia ricerca, l’ho voluto perché Feelings è una canzone che ho inserito nel mio repertorio e la canto in inglese. In francese no, perché mi pare che non renda quanto la versione Morris. Tuttavia mi sono dedicato anche alla ricerca di un testo in lingua italiana perché sentivo in cuore di volerla cantare nella mia lingua.

Non l’ho trovata; o quanto meno non ho trovato una traduzione che fosse fedele in quanto a testo; ovvero, ne ho reperita soltanto una ma sinceramente parlando fa pena, nel senso che è pressoché incantabile, priva di forma poetica e anche di sentimento.

Nel provarla mi sono arenato di fronte alla struttura dei versi che per essere cantati spesso necessitavano di forzature musicali tra crome e biscrome, spezzature piuttosto che legamenti… insomma, ho lasciato perdere.

Non mi sono arreso, non sta nella mia natura arrendermi e del resto, l’idea di voler produrre un testo italiano per Feelings m’era entrata nel sangue e così decisi di tradurla io, consapevole che avrei trovato la formula giusta per conciliare il testo francese di Gasté con quello inglese di Morris. In una prima analisi mi resi subito conto di trovarmi di fronte a un “binomio perfetto” e così incominciai a scrivere la mia versione in lingua italiana partendo dal titolo:

SENTIMENTI

FEELINGS in English SENTIMENTI in Italiano

Gianni Nachira

Conciliare, dicevo, giacché era l’unico modo possibile per ottenere un risultato degno per un brano musicale di una simile portata. Quella musica, che in francese poteva andare bene e che in inglese aveva trovato il suo più elevato sprono, nella mia versione italiana non doveva, non poteva essere da meno.

Dalla mia parte avevo la vena poetica, quella naturale dote di scrivere versi d’ogni sentire; il dono, sì, perché un poeta non è un soggetto che si costruisce, il poeta è un eletto, non so da chi e perché; e se è tale, allora può permettersi di tirare fuori dalla sacca dei sentimenti, le parole più belle, le espressioni più consone al sentire proprio ed altrui. Così è stato. Il testo oggi è completo, perfettamente integrato nella struttura musicale per cui cantabilissimo e anche da effetto sonoro di notevole fattura.

Quando provai a cantarlo, fui colto da una forte emozione. Parole d’una intensità quasi spirituale, si insinuavano in un perfetto sincronismo con il motivo dell’autore francese appena rivisto in bellezza dal suo “co-autore” inglese.

Qual è la sede dei sentimenti? Il cuore. Il mio testo in italiano ha preso forma consistenza e sostanza giusto dalla risposta che io stesso mi sono dato.

FEELINGS in English SENTIMENTI in Italiano

Per ora non lo pubblico il mio testo, perché non voglio offrire spunti ad altri artisti. Tra l’altro, sto cercando una voce che la canti in forma del tutto ufficiale e legale, con tanto di autorizzazione da parte dei detentori del diritto d’autore.

Si facciano avanti cantanti di spicco, perché l’opera può divenire grande quanto quella da HIT di Morris Albert.

A mio avviso potrebbe stare bene nelle corde vocali del gruppo  “NEGRAMARO” o in quelle del trio IL VOLO, ma non disdegno altre voci di livello internazionale.

Intanto vi lascio all’ascolto di FEELINGS nella versione cantata da MORRIS ALBERT

Ricordate amici lettori che a volte il successo dipende anche dall’interesse che mostrerete per questa mia importante iniziativa. Vi assicuro che il testo è davvero tradotto con il cuore di un poeta.

FEELINGS in English SENTIMENTI in Italiano

Sharing is caring!

Di Gianni Nachira

E' presto detto: Da lavoratore, una volta raggiunta la pensione, sono riuscito a prendere in mano il sacco dove per anni sono state rinchiuse le mie passioni in campo artistico. Non è stato facile, perché l'età e l'impossibilità di farlo a tempo debito hanno parlato chiaro: "NON PUOI". Al ché io ho risposto: "Ma davvero?" Allora mi sono cimentato a fare teatro, a fare musica. FARE, CREARE, senza mollare e nonostante le difficoltà che la vita ancora oggi mi pone ad ostacolo, proseguo imperterrito sfidando il fato che da quasi sessant'anni mi assegna una sorte avversa. In questo mio sito ho messo insieme una parte di me e continuerò a farlo perché rimanga traccia di una storia di vita forse banale, ma comune a molti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *